logo mappatura

Benevento


 

Credito Sannite

Il Credito Sannite, società per azioni, fu costituito il 25 febbraio 1912 con atto rogato dal notaio Oreste Compatangelo.
L’Assemblea straordinaria degli azionisti del 9 giugno 1977 approvò la fusione per incorporazione (avvenuta il 16 dicembre successivo) del Credito Sannite, insieme alla Banca di Credito e Sovvenzioni di Reggio Calabria e alla Società Bancaria Napoletana di San Giuseppe Vesuviano, nella Banca di Calabria. Al momento dell’operazione tutti gli istituti assorbiti erano interamente controllati dal Banco di Roma.
Ultimo presidente del Consiglio di amministrazione fu l’avvocato Ernesto Mazzoni.
Autorizzato al credito agrario di esercizio, al momento dell’incorporazione l’Istituto aveva titoli e partecipazioni per L. 6.683.362.110, depositi a risparmio per L. 22.001.745.000 e un utile netto di esercizio di L. 57.535.756.

Fonte:
- Archivio Storico Intesa Sanpaolo, patrimonio Banco Ambrosiano Veneto (ASI-BAV), Bilanci a stampa di società, Relazioni di bilanci a stampa del Credito Sannite, 1972-1976.

Chiudi | Torna indietro

© Archivio storico Intesa Sanpaolo | Nexo