logo mappatura

Torino


 

Banca Torinese


La Banca Torinese nacque il 26 settembre 1939 dalla trasformazione in società anonima della società in accomandita semplice "Vitta Ovazza & C.", costituita nel 1866.
Specializzata nell'intermediazione di borsa, e gestita dai nipoti di Vitta Ovazza, Vittorio ed Ettore (quest'ultimo, tra l'altro, presidente regionale dell'Associazione dei banchieri fascisti), la società subì una forte contrazione operativa quando questi dovettero abbandonare l'attività per effetto delle leggi razziali: ciò indusse i titolari, nel corso del 1939, a chiedere la trasformazione della banca in società anonima e a cedere l'attività ad un'altra azienda.
Il capitale sociale del nuovo Istituto, inizialmente di 120.000 lire e suddiviso in parti uguali tra i fratelli Vittorio ed Ettore, fu elevato il 25 novembre successivo ad un milione, ed equamente diviso fra Ada Prever Villa, Francesco Balbis e Teresio Guglielmone, nominato presidente del nuovo Consiglio di amministrazione. Nel 1946 Ada Prever Villa cedette la sua quota azionaria agli altri due soci, ed il capitale sociale fu ulteriormente elevato a dieci milioni, mediante emissione di 9.000 nuove azioni da mille lire ciascuna, interamente sottoscritte da Francesco Balbis e Teresio Guglielmone.
Nel 1952, sulla base delle rispettive situazioni patrimoniali al 30 settembre 1951, avvenne la fusione tra la Banca Torinese e la società in nome collettivo Balbis e Guglielmone Banca, da cui nacque la Banca Torinese Balbis e Guglielmone.
Al momento della fusione l'Istituto aveva un capitale sociale di cento milioni e depositi a risparmio ed in conto corrente per oltre un miliardo di lire.

Fonti:
- Alexander Stille, Uno su mille. Cinque famiglie ebraiche durante il fascismo, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1991, pp. 11-95;
- Commissione per la ricostruzione delle vicende che hanno caratterizzato in Italia le attività di acquisizione dei beni dei cittadini ebrei da parte di organismi pubblici e privati (Commissione Anselmi), Rapporto generale, Roma, 2001, p. 353;
- Archivio Storico Intesa Sanpaolo, patrimonio Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde (ASI-Cariplo), Istituto Bancario Italiano e banche preesistenti, Banca Torinese, poi Banca Torinese Balbis & Guglielmone, Libri Soci, 1939-1951;
- Archivio Storico Intesa Sanpaolo, patrimonio Banca Commerciale Italiana (ASI-BCI), Ufficio Studi, Spoglio di bilanci di imprese, Cessate, cart. 3.

Chiudi | Torna indietro

© Archivio storico Intesa Sanpaolo | Nexo