logo mappatura

Genova


 

Banca di Credito Genovese


Le origini della Banca di Credito Genovese risalgono alla Banca Casareto, costituita il 12 giugno 1868 come società in nome collettivo e trasformata in accomandita per azioni il 12 settembre 1957, modificando la propria denominazione sociale in "Banca di Credito Genovese di Casareto & C.".
Due anni più tardi l'Istituto modificò nuovamente la ragione sociale in "Banca di Credito Genovese di Guglielmone & C.", in quanto nuovi soci accomandatari divennero Cesare Andrea e Giorgio Guglielmone insieme a Paolo Antonelli, già direttore dell'Istituto durante la gestione della famiglia Casareto.
Con delibera assembleare del 9 ottobre 1961 la Banca fu trasformata in società per azioni, modificando ulteriormente la denominazione in "Banca di Credito Genovese spa", e il capitale sociale fu aumentato da 50 a 150 milioni di lire mediante emissione di 100.000 nuove azioni.
L'Assemblea straordinaria dell'8 giugno 1967 deliberò l'incorporazione dell'Istituto nel Credito di Venezia e del Rio de la Plata dando vita, insieme ad altri istituti di credito, all'Istituto Bancario Italiano.

Fonti
- Associazione Bancaria Italiana, Annuario delle aziende di credito e finanziarie, 1958-1959, Roma, Associazione Bancaria Italiana, 1959, p. 274;
- Associazione Bancaria Italiana, Annuario delle aziende di credito e finanziarie, 1960-1961, Roma, Associazione Bancaria Italiana, 1961, p. 346;
- Archivio Storico Intesa Sanpaolo, patrimonio Banca Commerciale Italiana (ASI-BCI), Ufficio Studi, Spoglio di bilanci di imprese, Cessate, cart. 3.

Chiudi | Torna indietro

© Archivio storico Intesa Sanpaolo | Nexo